• Italiano
  • English
ATENEO DI QUALITÀ ACCREDITATO ANVUR - FASCIA A

Dall’Università di Parma laurea ad honorem a Claudio Magris

Allo studioso il titolo di Dottore magistrale in Giurisprudenza. La cerimonia il 24 ottobre alle 11 nell’Aula magna dell’Ateneo

Parma, 1 ottobre 2019 – È uno dei nomi più illustri della cultura italiana contemporanea il prossimo laureato ad honorem dell’Università di Parma. A Claudio Magris, docente, critico, romanziere, traduttore,l’Ateneo conferirà il 24 ottobre in Aula Magna la laurea magistrale ad honorem in Giurisprudenza, a testimoniare come la sua attenta lettura delle dinamiche sociali (nei libri, nei saggi, negli articoli su quotidiani e riviste) abbia saputo mettere in evidenza gli effetti del diritto nell’esistenza collettiva, insistendo sempre molto sul tema delle “culture in movimento” e della cultura come somma e intreccio di culture diverse.

Figura tra le più prestigiose del panorama intellettuale italiano,a lungo docente di Lingua e letteratura tedesca alle Università di Trieste e di Torino, Senatore della Repubblica per una legislatura, relatore di conferenze e lezioni in diverse Università europee e americane, socio di varie Accademie italiane e straniere, collaboratore ed editorialista del “Corriere della Sera” e di numerose altre riviste e giornali europei, autore di una cinquantina di volumi, per i quali ha ricevuto moltissimi premi, Claudio Magris riceverà tocco e pergamena dalle mani del Rettore Paolo Andrei.

La cerimonia è in programma alle 11 nell’Aula Magna dell’Università (via Università 12). Dopo l’intervento del Rettore, sarà il Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza, Studî Politici e Internazionali, Giovanni Bonilini, a leggere la motivazione del conferimento, mentre la laudatio per il candidato sarà tenuta da Andrea Errera, docente di Storia del diritto medioevale e moderno. A seguire Claudio Magris terrà la sua lectio doctoralis.

La cerimonia sarà trasmessa in diretta sul sito web di Ateneo www.unipr.it

CLAUDIO MAGRIS – BREVE PROFILO
Claudio Magris, nato a Trieste il 10 aprile 1939, ha studiato all'Università di Torino e in varie Università tedesche. Laureato all'Università di Torino in Lingua e Letteratura Tedesca (1962), professore ordinario di Lingua e Letteratura Tedesca all'Università di Trieste (1968-1970), all’Università di Torino (1970-1978) e di nuovo a Trieste (dal 1978), Direttore del settore "Linguaggi Letterari e Linguaggi Scientifici" del Laboratorio Interdisciplinare della SISSA, Miramare-Trieste (dal 1990), Senatore della Repubblica nella XII Legislatura (1994-1996), nell’a.a. 2001-2002 Titulaire de la Chaire Européenne du Collège de France en qualité de Professeur Associé, professore onorario dell’Università di Copenhagen (2007).
Ha tenuto conferenze e lezioni in numerose Università europee e americane. È socio di varie Accademie italiane e straniere. Ha ricevuto diverse onorificenze, tra cui Cavaliere di Gran Croce della Repubblica Italiana, Commandeur dans l’Ordre des Arts et des Lettres de la République Française,Orden pour Le Mérite für Wissenschlaften und Künste.
È collaboratore ed editorialista del “Corriere della Sera” e di numerose altre riviste e giornali europei.
Ha ricevuto numerosi premi. Tra questi: Premio Accademia dei Lincei (1987); Premio Juan Carlos I (1989); Prix du meilleur livre étranger (1990); Premio Strega (1997); Premio Principe de Asturias 2004; Premio Morante 2007; Premio Chatwin 2008;Budapest Prize 2012; Northerm California Book Awards for Fiction in translation 2013: Premio Pavese 2013; Premio Campiello alla carriera 2014; Premio Volponi 2015; Premio Città di Filadelfia 2016; Kafka Prize 2016; Ambassador Of New Europe Award 2017; Prix  Meilleurs Livres de L’Année de la Revue “Lire” 2017; Premio del Cittadino Europeo per l’anno 2018 (European Citizen’s Prize 2018);
Ha ricevuto diverse lauree ad honorem: da Strasburgo a Copenhagen, da Paris X-Nanterre a Lima, da Barcellona a Berlino e a Regensburg.

Tra i suoi volumi:
-         Il mito absburgico nella letteratura austriaca moderna, Einaudi, Torino, 1963;
-         Dietro le parole, Garzanti, Milano, 1978;
-         Itaca e oltre, Garzanti, Milano, 1982;
-         L'anello di Clarisse, Einaudi, Torino, 1984;
-         Danubio, Garzanti, Milano, 1986;
-         Un altro mare, Garzanti, Milano, 1991;
-         Microcosmi, Garzanti, Milano, 1997;
-         Utopia e disincanto, Garzanti, Milano, 1999;
-         Fra il Danubio e il mare. I luoghi, le cose e le persone da cui nascono i libri, Garzanti, Milano 2001;
-         L’infinito viaggiare, Mondadori, Milano 2005;
-         Trois Orients. Récits de voyages, tr. par J. et M. Pastureau, Payot & Rivages, Paris 2006.
-         La storia non è finita. Etica, politica, laicità, Garzanti, Milano 2006.
-         Alfabeti, Garzanti, Milano 2008.
-         Segreti e no, Bompiani, Milano, 2014
-         Non luogo a procedere, Garzanti, Milano 2015
-         Istantanee, La Nave di Teseo, Milano 2016
-         Tempo curvo a Krems, Garzanti, Milano 2019

Diversi i saggi su Hofmannsthal, Ibsen, Blei, Jacobsen, Canetti, Rilke, le “Robinsonaden”, Hamsun, Musil, Svevo, Walser, Kraus, Kafka, Doderer, Marin, Bernhard, Hesse, Singer, Borges. È autore di numerose traduzioni di Ibsen, Kleist, Schnitzler, Büchner, Grillparzer.

Pubblicato Martedì, 1 Ottobre, 2019 - 12:32 | ultima modifica Martedì, 1 Ottobre, 2019 - 12:37